Senza categoria

La cosa più bella che succede  quando ricomincio a pippare la ketch è che avete tutte le facce uguali a quella di Silvester Stallone in Roky IV, che tette a parte poteva farsi sostituire benissimo dalla tipa lì, la moglie di Ivan Drago, uguale anche lui a tutti gli altri e quindi in fondo, molto pure a  voi.

 

Standard
Senza categoria

Sicuramente altro

Sinceramente dal mio stravagante punto di vista voglio ottenere tutto quello che posso ottenere e poi liberarmene in un istante tipo con un soffio o uno sputo (a seconda di quanto mi sia piaciuto o meno, credo).

Tipo così si, per fare il figo, il figo transeunte pergiunta, il figo che sa pure cosa significa \”transeunte\” che ammetterai non è poi cosa da tutti, oggigiorno.

E si. forse.

E poi altro, sicuramente altro.

Standard
Senza categoria

Comunque in quel neanche tanto breve spazio che separa ieri dall\’oggi ho visto e in qualche modo si può dire vissuto cose veramente Particolari.

Nel senso, più che realistiche le visioni questa volta sono state Surreali.

Più di un gradiente di colore e molto più di un\’espressione mi hanno fatalmente lasciato intuire che no, la sostanza di cui è fatto questo pianeta non è assolutamente immobile e statica come a prima vista può sembrare, assolutamente, anzi ti dico, proprio per niente.

Composta da migliaia di legioni di spiriti pressocchè maligni (quella è stata l\’impressione), ma comunque tendenzialmente, o perlomeno apparentemente innocui,

non ho capito se sono loro che formano la realtà o semplicemente come un vapore di velluto si legano ad essa, cambiandone le forme e i colori, di sicuro le intenzioni ( o perlomeno ci provano).

Il tutto è sotteso da quello che per far ridere i polli lo chiamano \”trascedentale\” nel senso, è come se ci fosse già una base neutra, tipo bianca credo, e sopra di essa si vada a formare il colore, poi lo spessore, dopo di questo credo il sapore ma non ho potuto provare.

E niente comunque le solite cose, fluidi che si solidificano, ombre che danzano l\’abracadrabra e soprattutto scherzi, illusioni, roba divertente di cui tu puoi fare a meno ma che ti struggi per contemplare in oscena continuazione.

Esistono regni viabili nello spazio che intercorre tra il proiettore – la retina e il telo, sta a te capire come trovarli e se è giusto o meno allarmarsene o se sarebbe meglio fare finta di niente e relegare tutto ad un sogno, finito, svanito, disincantato fino al momento in cui arriverà il momento giusto per smascherarli d\’un tratto.

Nel frattempo nell\’aere le note sono finite.

Strano? No.

 

 

Standard
Senza categoria

Titolo: facciamo una poesia: Ok

Non so se l\’avete capito

che poi trall\’halltrhro vi siete notati

ho bisogno che ci sia un giusto spazio tra le parole capite

perchè secondo me è perchè no, e adesso ve lo spiego.

Punto *é sempre punto e ricominciamo.

Con la calma, amore e tranquillità lascio aperto lo spazio

il divano il pomeriggio ha tutto un tempo solo noia quasi nuoto quasi vuoto verso specchio.

Siamo facce disperse nel silenzio che conviene

Poi tagliare, non dimentico del certo punto

 

tipo che mentre fumo clikko ok e ci godo poco – pff- Aromi negativi.

Organizziamo un\’orgia&edErivatimagaridomANImai.

Inkessensobohmaportalajinjia.

Standard
Senza categoria

Porco il Mio Dio in questo caso ma comunque si, devo e voglio ammetervelo, avere meno commenti di quelli di Zoon mi fa veramente schifo al cazzo. Nel senso, è molto probabile che i commenti ipotetici (come quelli del ragazzino dell\’anno scorso)  mi avrebbero fatto ancora più schifo, sia chiaro, ma… ok.

 

ModalitàGenioIncompresoON#

Però tanto: voi leggete me, loro leggono voi, e quindi in linea di massima verso la tangente tangenziale taldeitali dei tarallucci e wyno(na ryder) è come se si, l\’ho sempre saputo, tutto il mondo legge me che alla fine non faccio altro che dare una mia vaga impressione sul mondo, uno schizzo diciamo, si.

 

Standard
Senza categoria
\”Dopo che l\’anima ebbe lasciato dietro di sé la terza potenza, salì in alto e vide la quarta

potenza. Essa aveva sette forme. La prima è l\’oscurità; la seconda è la bramosia; la terza è l\’ignoranza; la quarta è l\’emozione della morte; la quinta è il regno della carne; la sesta è la stolta saggezza della carne; la settima è la sapienza stizzosa. Queste sono le sette potenze dell\’ira.

\”Esse domandarono all\’anima: \”Da dove vieni, assassina degli uomini? Dove sei incamminata, superatrice degli spazi?\”. L\’anima rispose e disse; \”Ciò che mi lega è stato

ucciso, ciò che mi circonda è stato messo da parte, la mia bramosia è annientata e la mia

ignoranza è morta. In un mondo sono stata sciolta da un mondo, in un typos da un typos

superiore, dalla catena dell\’oblio, che è passeggera. D\’ora in poi io raggiungerò, in silenzio, il riposo del tempo, del momento, dell\’eone\”

Ecco appunto, è l\’eone che mica tanto mi convince.

Comunque, per il momento, diciamo pure che sta bene così.

Mi HHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHavete detto che chi cerca, alla fine, troverà.

Frega il cazzo di regnare su tutto, quello che m\’importa è il rimanere stupefatto.

ELzh4
Standard