Senza categoria

Montagna Mortale

-Pronto signora c\’è suo marito, l\’esploratore MecGallaghers?
-No, è morto da tempo mi spiace.
-Non faccia così signora si riprenda non ci faccia sentire in colpa adesso eh, non pianga e non si strappi le unghie coi denti in preda a convulsioni di dolore immemore e
-Non si preoccupi, ho digerito la come si chiama il lutto, molto in fretta e se è per questo oramai non mi dispiace affatto.
-Comunque peccato, volevamo offrire a suo marito un vantaggioso contratto pubblicitario in cambio di una scalata qualsiasi della montagna mortale, quella dove sono morte tutte quelle persone sa, morendo. Morendo in gruppo o anche da soli, ghiacciati o di stenti o caduti in una delle insidiose trappole di quella cascata anzi montagna mortale si, mortale.
-Ah no, mi dispiace quindi, come le ho fatto notare poc\’anzi il mio consorte è deceduto tristemente  in circostanze misteriose, anche se oramai ho digerito il lutto e anzi sono pronta a rifarmi una vita in vista di tutta la vita che ho avanti. Ma pure dietro non scherzo mica sa?
-Mannaggia, è un vero peccato signora, le ripeto, la montagna è mortale nel verso senso della parola, diciamo che non c\’è quasi nessuna possibilità di scampo anzi tolga pure il quasi non ve n\’è, per niente, affatto. Vabbè ci rivolgeremo a qualcun\’altro e condoglianze ancora, signora, sa com\’è, suo marito.
-Ah sisi d\’accordo ciao, ah comunque se volete ci sono i miei due figli maschi e belli paffuti che vogliono seguire le orme del padre per dimostrare qualcosa a qualcuno e quindi si, all right man.
-No no signora non fa niente.
-Sicuri?
-Si.
-Sicuri sicuri? Ve ne do due al prezzo di uno e quello che pagate ve lo regalo, praticamente, al prezzo di una cicca.
-Cicca nel senso di sigaretta o di chewingum?
-Da decidere.
-No no comunque no, facciamo che non fa niente e per oggi va bene cosi\’. A risentirci allora.
-A risentirci.

Standard
Senza categoria

HorrorZ

-Pronto l\’agenzia immobiliare?
-Si, mi dica.
-Senta vorrei una casa per me e la mia famiglia, sa com\’è, vorremmo viverci, non è che per caso ha una bella casa normale dove vivere?
-Abbastanza.
-Sicuro che non ci siano i fantasmi o altro?
-Sicurissimo.

Due mesi dopo

-Pronto polizia?
-Si, ci dica
-Senta credo che nella mia casa ci sono i fantasmi.
-Siete sicuri?
-Dipende
-In che senso?
-Nel senso, abbiamo visto delle sedie in cucina ballare la mazurca in aramaico, ma mio marito dice che è colpa della peperonata di ieri sera, non è ancora molto convinto, cosa mi consiglia?
-Ha provato a rivolgersi a un mago o un truffatore prima di chiamare la polizia cioè noi?
-Non ancora a dire il vero
-E cosa aspetta? Chiami subito signora e riceverà in omaggio un medaglione magico della potenza di circa 33 centesimi dai cinesi tossici come la peste immaginaria che tutto pervade, immarciscente, luminescente al contrario, come ogni colore dell\’arcobaleno non esiste alcun motivo per poi stare a pensare a evenienze apocalittiche e disastrate memorie su una spiaggia di miseria nevrotica e cosa rimane, del resto, di un paffuto sentore di muffa gravitazionale, disastroso miracolo dell\’inverosimile speme mai sopita, fino ad ora, d\’incanto.
– Non credo di avere capito.
-Ha provato a rivolgersi a Barbara D\’Urseeeeeeee!?!?!?
-No… non proprio almeno, non direttamente, dovrei?
-Certo che no, ma accenda ventitrè ceri a alla D\’Urse e preghi per il meglio, vedrà che col tempo le cose miglioreranno. Ci faccia sapere, mi raccomando!
-D\’accordo.

1 settimana dopo

-Pronto polizia?
-Pronto signora? Ci dica, come è andata?
-Mah… non saprei, so solo che adesso le sedie oltre a ballare la mazurca in aramaico hanno trasformato mio marito in una planetaria per farci i dolci che vedono nelle ricette di Alessandro Borghese sulla 8 giorno e notte notte e dì, in replica totale e continuata senza possibilità di redenzione alcuna e vagamente desiderata.
Inoltre due di esse fumano e mi si impuzzisce tutto il pelo del gatto. Consigli, opinioni sul da farsi?
-Non so signora veramente il mio collega mi ha passato il telefono a metà conversazione  e purtroppo non ci ho capito molto, inoltre, mi sto pure facendo le unghie, sa com\’è.
-D\’accordo.

Non mi ritengo molto soddisfatta da questo servizio di polizia, credo che mi rivolgerò a un mago truffatore.

-Pronto, mago truffatore?
-Si sono io, mi dica pure signora.
-Senta, non è che per caso può venire a casa mia a togliere i fantasmi dalla sedie della cucina e metterli che ne so, in quelle del balcone che tanto non ci andiamo mai e almeno danno fastidio ai vicini?
-Si signora, come è ovvio, fanno 15 euro a fantasma. Per due euro in più le offro pure una spiegazione dettagliata del fenomeno demonologico essoterico avveneristico e catalinflangente, detto alla cinese.
-Mhh no no mi dispiace, lei non è abbastanza truffatore, non vorrei risparmiare troppo sa, ci tengo a un certo tenore di vita.
-D\’accordo signora se vuole le do il numero di mio cugino Alberto.
-Mh no no grazie non mi piace come nome.
-Federico?
-Neanche.
-Palinsesto?
-Non è un nome
-GiorgioCanotta?
-Suona bene ma no, non insista e vaffanculo.
-D\’accordo.


Vabbè il mondo è un posto ostile di suo, cinque sedie indemoniate in cucina mi sembrano la giusta ciliegina sulla torta karmica – mi sa che me le tengo – a sto punto.

Ma proprio quando la signora aveva deciso di tenersi la maledizione delle sedie le si indemoniò anche il divano del salotto e a poco a poco tutta la casa ma lei rimase sempre con quel sorriso sulle labbra che l\’aveva resa celebre un giorno da qualche parte, nell\’angolo buio che ti ostini a chiamare cuore e invece è solo una carie.


Standard
Senza categoria

-luogotenente mcGallagher allora, che hai fatto? Scoperto dove si trova quello squallido assassino?
-Non ancora a dire il vero.
-E come mai?
-Cosi\’, mi pareva di essermi perso in un sogno cobaltato al contrario, nel senso, seppur ben conscio della ricercatezza pseudosemantica dell\’avvenimento, avevo trovato meglio a provare a non pensarci affatto, nel senso, immaginare che il tutto avesse un\’atsmosfera più che ovattata anche per permettere ad entusiasmante velluto edulcorato di riscontrare schizzi d\’odio rappresi in quindici comode edizioni tascabilissime, al contempo effervescenti come un qualcosa che muore subito, saccente, rappreso.
-Luogo tenente macGallaghers, lei mi lascia senza parole…
-Non è d\’accordo?
-Alle volte. Volevo dirle comunque che il suo profumo rapprende estasi rovesciate, errori e diversi punti di vista.
-Lo immaginavo. Del resto, come essere sgombri da ogni peccato la tua mente contorta ma non perversa riesce dunque a immaginarsi? Come evitare il riscontro in tutto quello che vedi? Come riuscire a dimenticarsi, perduti nel tempo, nella completa lentezza degli eoni incompiuti, nel senso unico a cui comunque chiunque ritiene di essere predestinato?
-Sono gli intestini che me lo dicono.

Standard
Senza categoria

il verme, capitan non sequitur, è un feticista sadomaso a cui piace coinvolgere la gente nel suo squallido gioco affatto innovativo ma vecchio, purtroppo, come il creato.
innovativo da parte sua.

secondo me non ha capito che tutto ha un prezzo, in questa vita o nell\’altra.

Standard
Senza categoria

ThrillerZ

-Ohmioddio è un assassino crudelissimo chiamate la polizia o gli sbirri

-Ma no dai fagli fare un altro paio di omicidi, so ragazzi!

-Ok ma poi li chiamo.

-Ok.

-Ok li ha fatti, è crudelissimo ed è un assassino a quanto pare

-Mh

-Mh

-Ok chiamali

-Pronto polizia? C’è un assassino molto crudele, sembra, spietato, con l’osso, che non so cosa significa ma però rende, vero, vero che rende?

-Mh

-Quindi? Cosa volete da noi? Siamo la polizia non possiamo perdere tempo con certe sciocchezze

-Mh

-Ok dai, chiamate il luogotenente McGallagher che sta in vacanza con una figa da paura più sua moglie più i figli tuoi e deli mortacci di chi meno ti aspetteresti

-Dici davvero?

-Così pare

-Mh

-Pronto? È il luogotenente McGallagher?

-Forse

-Dai su non scherzare McGallagher, almeno tu fai il serio che siamo già a metà del film e quasi non si capisce una ceppa della minchia

-Quasi?

-Si, qualcosa si è intuito

-Tipo cosa

-Tipo che c’è un assassino

-Immagino crudelissimo

-Ovvio McGallagher, non constatare l’ovvio anche tu per favore, dimostra che i tuoi anni all’accademia di polizia più rinomata sono serviti a qualcosa, fai il serio McGallagher

-Ok

-Mh.

-Quindi?

-‘Spe che devo entrare nella mente dell’assassino

-Sei sicuro, McGallagher? E se poi non ne esci più?

-Non fa niente.

-Ok vai dai che ci siamo scocciati.

-Ok scusate tutti ora entro allora dunque, è un assassino, crudelissimo, uccide le sue vittime perchè è stato picchiato dal padre della nonna di mio cugino da piccolo e nel frattempo pregava a Gesù Bambino

-Chi?

-Ha davvero tanta importanza?

-Non credo, quindi, cosa fare per catturarlo?

-Dobbiamo davvero?

-Non credo tra l’altro non ci hanno chiamato più quegli altri

-Chi?

-Ha davvero tanta importanza?

-Vabbè fatevi sentire mo che è

-D’accordo.

 

(Ra Ra Rasputin was the lover of the russian queen)

Standard