Senza categoria

-luogotenente mcGallagher allora, che hai fatto? Scoperto dove si trova quello squallido assassino?
-Non ancora a dire il vero.
-E come mai?
-Cosi\’, mi pareva di essermi perso in un sogno cobaltato al contrario, nel senso, seppur ben conscio della ricercatezza pseudosemantica dell\’avvenimento, avevo trovato meglio a provare a non pensarci affatto, nel senso, immaginare che il tutto avesse un\’atsmosfera più che ovattata anche per permettere ad entusiasmante velluto edulcorato di riscontrare schizzi d\’odio rappresi in quindici comode edizioni tascabilissime, al contempo effervescenti come un qualcosa che muore subito, saccente, rappreso.
-Luogo tenente macGallaghers, lei mi lascia senza parole…
-Non è d\’accordo?
-Alle volte. Volevo dirle comunque che il suo profumo rapprende estasi rovesciate, errori e diversi punti di vista.
-Lo immaginavo. Del resto, come essere sgombri da ogni peccato la tua mente contorta ma non perversa riesce dunque a immaginarsi? Come evitare il riscontro in tutto quello che vedi? Come riuscire a dimenticarsi, perduti nel tempo, nella completa lentezza degli eoni incompiuti, nel senso unico a cui comunque chiunque ritiene di essere predestinato?
-Sono gli intestini che me lo dicono.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...