Senza categoria

À tout le monde, À tous mes amis

 fatta eccezione per poche e rare persone il sol pensiero degli altri mi angoscia oltremodo, alle volte più di quanto io possa sopportare e perciò mi drogo, o alcolizzo, o caffeinizzo con le pasticche comprate da amazon a 11 euro fino a perdere l\’uso della mano sinistra.

Standard
Senza categoria

>:veloci richiami pseudosintetici oltrepassano hackerando il mio firewall neurale mentre il suono stesso del rumore storpio implode nel mio petto ossessionato dai colori cangianti di otto virus rappresi in formazione serrata dentro al tempio del potere incarnato.

mi suona bene anche che un decimo della popolazione mondiale è dotato di anime candide e ascese nella conformazione sterile del progresso nevrostrutturale del tutto.

Standard
Senza categoria

forse

 forme in continua espansione geometrica sopra al foglio bianco dello spazio-tempo

dove tutto è già scritto non c\’è posto per uragani cuneiformi al vago sentore di nervi in congestione caustica


siamo le ombre di ogni essere vivente

siamo ambigui, alle volte

altre volte invece ci improvvisiamo cecchini psichici al soldo delle empietà più eclatanti.


Un bello schifo.

Ma bello – però.

Standard