Senza categoria

 quel bel giorno a giangiovanni piacque alzarsi di mattina appena sveglio.

non riuscì a decifrare le incombenti premonizioni del mattino e perciò abbandonò il letto, già ubriaco

senza aver bevuto un solo goccio.


uscito di casa incontrò per caso un puro storpio, tre puttane e una suora.

a tutti baciò il palmo della mano e da tutti si congedò piangendo.


c\’era in lui la potenza suprema che fa lacrimare anche le nubi, di solito, quando fuori piove a te piace non star più a pensare

anche solo anche per sbaglio

deduco poi l\’energia fredda e greve della tua lavastoviglie, ipnotica nel suo rumore, generosa e si ridondante, esplosiva, caotica, nevrastenica e cangiante.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...