Senza categoria

 poche parole di vetro sancirono il patto omicida

come un ampolla il tempo sferico distorce
mentre guardi estasiato il tuo ultimo specchio
ambigua e dopo oscena melodia del presente
chiuso a chiave l\’occhio e il cuore
l\’ombra avanza senza paragone alcuno a scandirne il passo
filo spezzato come lama ancora piu\’ ingiusta
e io che dimentico, mentre ascolto
rumore astrale di improvviso bombardamento

riuscirono in un intento
riuscirono a spezzare la croce

poche membra ossute, il gigante
contro l\’altro cielo scarlatto abbaia la sua preghiera

da sempre e\’

altrove
evocata dalle rune un alba di platino accade
ne scompone la matrice un prisma storpio
nato nell\’occhio del ciclone

fulmine senza suono

raccoglie le braccia abnormi

non esiste piu\’ il tempo per un cielo sereno

la vacanza e\’ finita
andate in pace fratelli

e tutto e niente ambiscono al vuoto, e al mare

sono cattivo
un infame
il peggiore
il migliore
sono eterno
sono il caos
sono la croce
sono un diavolo e un santo
non sono una puttana
sono altro
sono i tuoi soldi
sono la vecchiaia
sono te
sono il tuo lato peggiore
sono la tua mannaia
sono tua madre
sono il padre
non sono il fratello
sono il tuo amante
il tuo fottuto assassino
sono

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...