Senza categoria

Cammino sul filo teso a lama sopra ai confini del vuoto

non mi preoccupo dell’abisso che mi comprende, infinito

sotto allo sguardo poco attonito dell’unico attore di una tragedia evitata

quasi per sbaglio, voglia pari a zero, ma desiderio senza fine di guardare un altro passo

sottile danza in cancrena, seducente mi ammalia come il ragno la sua preda

come un bimbo e la sua mamma

spicco il balzo e sono libero, con ali di corvo punto al cielo grigio

ignoro ancora il bagliore ingannevole delle stelle

e adesso vedo: ci sono io e solo il Silenzio a guardarmi respirare.

Fino a quando poi decido di schiattare,

spegnermi e morire.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...